Dialogo Campi-Ravagli …Anto’

Questo slideshow richiede JavaScript.

Antonella Ravagli

Da decenni conosco la Campi, ma solo come leggenda: ne ho studiato le opere, ho ascoltato i molti aneddoti che la riguardano, ho letto articoli e consultato cataloghi, ho potuto constatare l’entusiasmo di critici e storici che si erano occupati del suo lavoro. Poi è avvenuto l’imprevedibile: nel 2011 l’incontro con la Campi; il mito mi rivolge la parola, abbozziamo addirittura un’idea di progetto; il progetto diventa un grande pannello, ma è talmente complesso che occorre lavorare a quattro mani; il confronto, lo scambio, il desiderio di apprendere da una parte e dall’altra. Antonia, Antonella i nostri nomi si uniscono nell’unica sigla Antò, nascono nuove idee, nuovi progetti e nuove serie di opere “Libri”, “Medaglioni”, “Totem”, … La Campi non è più una leggenda, in realtà era sempre esistita nel mio lavoro: è il desiderio della continua ricerca, è la sensibilità nel cogliere i minimi particolari, è il coraggio di rompere con tutto ciò che è convenzionale, è la forza di misurarsi in progetti sempre più complessi, è il divertimento di far notte lavorando, è la curiosità di lasciare spazio al caso, è il senso della misura, è il credere ancora nell’etica e nell’estetica, è l’umiltà di iniziare sempre daccapo, è …

 


 
Nell’ambito del Premio Antica Arte dei Vasai Siena
Festa all’abbadia nuova 17/26 maggio 2013
Via dei Pispini, Siena
Associazione arte dei Vasai della nobile Contrada del nicchio ONLUS

Comments are closed.

Post Navigation

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: